Corso di magia

10 Pratici consigli per apprendere con metodo

Se avete letto il precedente articolo “Le 4 Fasi dell’apprendimento magico“, vi starete chiedendo: quale è il metodo migliore per apprendere con efficacia e maniera corretta?

Questa volta vi propongo un metodo per imparare un gioco, una tecnica o una routine sfruttando il proprio tempo ed ottenere il massimo dai propri sforzi, ottenendo alla fine un ottimo risultato… se seguite i miei consigli!
Ecco la classica lista per 10 punti.

1) Scegliere i giochi su cui investire il proprio tempo e soldi

Al giorno d’oggi c’è un’ampia scelta di giochi di prestigio, ma soprattutto ogni settimana vengono “sfornati” effetti nuovi o nuove versioni di vecchi. Anche attraverso i canali video social è possibile giornalmente trovare un nuovo tutorial.
Non è una scelta saggia continuare ad imparare un gioco nuovo senza aver appreso bene il precedente o quello sul quale si sta lavorando. Il motivo è molto pragmatico: perdita di soldi e tempo. Infatti quando inizi ad apprendere un gioco con tutte le tecniche coinvolte passi del tempo ad allenarti, se dopo una settimana lo abbandoni per apprenderne un altro, alla fine hai perso 4/5 gg e 20,50, 100 euro per re-iniziare daccapo con un altro.

Questo è un circolo vizioso che alla fine riempie i tuoi armadi, ma di fatto non sei in grado fare in maniera decente nessuno dei giochi acquistati/visti.
Quindi il consiglio è: seleziona un numero preciso di effetti (3 massimo) che vuoi imparare e dedica il tempo e le energie fino a che non li hai imparati ad eseguire ed esibire con maestria.
Per ottimizzare il vostro tempo ed essere più efficaci nella pratica… andate al punto successivo!

2) Pratica quotidiana costante

Ogni giorno dedica piccole sessioni di allenamento. E’ dimostrato che nelle attività dove è necessario acquisire una certa manualità automatica, è meglio allenarsi ripetutamente per brevi sessioni che fare intere full-immersion di allenamento.
Questo modo di allenare la tecnica viene incontro anche a chi ha poco tempo da dedicare alla magia ( a causa di scuola, lavoro, famiglia etc.), infatti è sufficiente dedicare 10 minuti la mattina e 10 minuti la sera in cui si ripetono più volte le tecniche coinvolte o la routine completa … per circa 20 giorni. Ovviamente questi tempi possono diminuire o aumentare a seconda del gioco o della tecnica che si sta apprendendo. Diventa più difficile se si devono provare dei numeri da scena che coinvolgono attrezzature o persone. In ogni caso di mancanza di tempo è sufficiente aumentare i giorni di pratica.
Quindi… incominciate ad avere un metodo di organizzare il vostro tempo nell’allenamento. Ora non avete più alibi!

3) Parlate, mentre vi allenate

Non state in silenzio mentre vi allenate. Parlate, incominciate si da subito a raccontare una storia, provare ad avere uno testo. Se state in silenzio, appena presenterete il vostro gioco capiterà di bloccarvi nel momento cruciale della tecnica o della misdirection. Questo accade perché non vi siete abituati a fare una cosa mentre parlate e raccontate la vostra storia. Inoltre continuare a parlare vi aiuta ad essere creativi e vedrete che quando avrete appreso la routine completa avrete anche un testo quasi pronto.
Se state imparando una routine muta è ancora più importante avere un testo “interiore” perché aiuta ad essere più espressivi durante l’esibizione…se dovete produrre una carta dal nulla provate a dire: “Ma cosa c’è lì in alto…ah ecco..una carta” … 🙂

4) Non “giocherellare”

Quando ti alleni non eseguire i vari passaggi velocemente o non saltare quelli che reputi acquisiti e conosciuti. Prova sempre tutta la routine dall’inizio alla fine, e se per qualche motivo un passaggio ti viene sbagliato o per esempio ti cade una carta, prosegui da quel punto in poi. Questo ti permetterà di imparare quali sono i punti critici della routine e come riprendere la routine, nel momento in cui facendola in pubblico commetti un errore o vieni interrotto, ma soprattutto ti permette di trovare degli “out”.
Quindi allenati come se eseguissi il gioco davanti ad un vero spettatore

5) Non siate veloci

La velocità attrae l’occhio, ricordatevi che non si può mai nascondere un movimento con la velocità.
Forse lo spettatore non vedrà cosa avete fatto.. ma capisce che avete fatto qualcosa di sospetto.
Conclusione: Non abbiate fretta

6) Siate Naturali

Quando imparate una nuova tecnica o un nuovo gioco osservatevi allo specchio o riprendetevi con una telecamera e cercate di capire se i movimenti sono naturali per la vostra gestualità.
Effettuate i movimenti maniera naturale secondo il vostro modo di muovervi normalmente…ed anche se ci proverete, vedrete che ci sarà qualche movimento del vostro corpo che vi tradirà. Per capirlo provate a fare una mossa senza il trucco (per esempio girare una carta sul mazzo) e poi rifarlo con il trucco (doppia presa)… dovete cercare di essere il più vicini possibile a quando non eseguite il trucco.

7) Nessuno Sforzo

Legato al punto precedente, dovete verificare che la vostra routine e le vostre tecniche vengano eseguite senza sforzo, non dovete concentrarvi su una certa tecnica ogni volta che dove eseguirla. Spesso quando non si è confidenti con la tecnica facciamo dei movimenti rivelatori (mordiamo le labbra, chiudiamo gli occhi, guardiamo in alto, alziamo una spalla, alziamo il mignolo o il pollice). Solo con la pratica costante potrete raggiungere la “quasi-perfezione” (punto 2)
Anche in questo caso in video … aiuta molto.

8) Assicuratevi che tutto sia “pulito” e visible

Guardate le vostre mani o il vostro corpo ed assicuratevi di non nascondere (a volte anche inutilmente) ciò che dovete mostrare. Assicuratevi che tutto sia chiaro per chi ti guarda.

9) Siate Semplici

Grande insegnamento di Dai Vernon (The Professor). Eliminate ogni movimento inutile e/o complicato che non aggiunge nulla alla routine ed alla presentazione. Se dovete fare un taglio, fatelo senza inutili fioriture o movimenti sospetti. Se volete dimostrare di essere anche dei bravi giocolieri di carte, fatelo in una sessione separata (prima o dopo un effetto). La confusione non crea la magia.
La bravura, nel senso magico, è percepita dallo spettatore dal fatto di rimanere sorpreso da ciò che ha visto e realizzare che è “impossibile” in un mondo reale.
E ricordatevi che Semplice non è sinonimo di Facile!

10) Esibisciti dal vivo

La magia è una arte “visuale e performativa” cioè una attività umana che deve essere vista e fatta dal vivo per essere apprezzata appieno!
Dopo tanto tempo dedicato ad allenarsi ed a perfezionarsi, solo nel momento in cui vi esibite dal vivo tutto il vostro sforzo avrà avuto un senso. Vi accorgerete che solo dopo diverse esibizioni e feedback diretti o indiretti del pubblico la vostra routine diverrà sempre più perfetta. Non cascate nella trappola di esibirvi solo su YouTube, vi mancheranno il feedback reali e le reazioni che il pubblico vi restituisce durante una esibizione live. Sarete sempre imperfetti.
Mostrate, quando vi sentite confidenti, il vostro gioco ad amici, colleghi, famigliari e vedrete che ogni volta andrà meglio.

Ora non avete scuse.. se volete mostrarci una vostra esibizione siamo sempre disponibili in Showroom!

Condividi:

Commenti